Il mio fiore

Io il mio fiore l’ho rubato da un posto lontano,

così,

l’ho colto la mattina di una calda estate e l’ho portato via con me,

lontano, molto lontano.

Si dice in giro che non puoi cogliere un fiore senza turbare le stelle,

so di averlo fatto,

ed è per questo che ogni sera illuminata

cerco invano di confortarle facendo loro sapere

quanto il mio fiore sia al sicuro al mio fianco.

L’ho sottratto dalla sua arida e rude terra,

ma ricca di intriganti colori e odori e sapori,

portandolo in una morbida e florente terra,

però a volte povera di significati e grigia,

so di averlo fatto,

ed è per questo che ogni mattina

lo curo con ogni attenzione aggiungendo colori

ed inventando sempre qualcosa di nuovo.

La mattina, quando il sole sorge,

il mio fiore comincia a sbocciare illuminandosi

come avesse petali di mille colori,

e solo guardandolo posso ricordar quanto sia la vita bella

e che il nuovo giorno

sarà ancora più bello di quello precedente,

un giorno in più passato con il mio fiore.

Il mio fiore si chiama Hortensia

ed è l’amore della mia vita.

Ti amo piccola e senza di te

nulla avrebbe più senso.

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *